venerdì 6 luglio 2012

Recensione del cd ukulelistico Old stories for modern times - di Veronica Sbergia e Max De Bernardi

Personalmente non ho questo cd ma ho ascoltato qualche canzone. Poi ho il loro precedente cd e quindi posso fare un confronto con quello e quel che ho sentito. Sul Mercatino dell'Ukulele dicono che è "un disco che è un piccolo excursus nella musica popolar-rurale americana dei primi del secolo scorso" e "i brani sono scelti da un repertorio che va dal 1910 al 1939; è un vero e proprio invito alla riscoperta o, in alcuni casi, alla scoperta dei personaggi che hanno reso grande questa musica con le loro storie... Una miscela irresistibile di suoni che fa bene alla salute!". Non posso che essere d'accordo con quel che scrivono nel sito del Mercatino, è un cd con uno stile unico (quello esclusivo degli interpreti di questo album) che non può che piacere sia a chi ama l'ukulele sia a chi ama la buona musica. Sono d'accordo sul fatto che è musica che fa bene alla salute, perchè provoca tante emozioni: ci si diverte, ci si commuove, si balla e ci si lascia cullare da queste sonorità. Mi ripeterò ma anche questo è un cd che mi mette di buon umore e in più mi rilassa anche. Poi anche questo cd fa venire voglia di suonare l'ukulele a chi già lo sa suonare, ed impararlo a chi ancora non lo sa suonare. Insomma lo consiglio a tutti, lo so che Veronica Sbergia è la musicista italiana donna che preferisco con l'ukulele (non a caso ho chiamato uno dei miei ukulele Veronica), ma indipendentemente da ciò penso che non si possa che amare questo cd.

Nessun commento:

Posta un commento

classifiche