martedì 30 ottobre 2012

Ukulele intervista a Craig Brandau


1.            Can you tell us something about your musical background. / Come descriveresti il tuo background musicale?

                I began playing guitar at the age of 9 and grew up during the 1960s.  I was therefore influenced by the folk and rock music of the era.  At the same time, I also listened to my parent’s record collection and was greatly influenced by what was termed here in the U.S. as “popular” music.  This included many of the great vocalist and of course, Jobim’s Bossa Nova.

Ho iniziato con la chitarra a 9 anni e sono cresciuto negli anni ’60, quindi sono stato influenzato dalla musica folk e rock di quel periodo. Contemporaneamente, ascoltavo anche i dischi dei miei genitori e rimasi molto colpito da quella che si definisce negli Stati Uniti come “musica popolare”. Questa include molti grandi cantanti, fra cui certamente la Bossa Nova di Jobim.

 

2.            What’s your favorite music?  Do you listen to everything or do you prefer only one kind of music? / Qual è il tuo approccio globale alla musica in generale?

                I have very eclectic tastes.  I listen to all styles of music except for the current, rock, metal and rap.  This music leaves me cold and seems manufactured only to make money rather than art.
 I’ll go on binges of sorts where I’ll listen to nothing but classical guitar music (David Russell is my favorite), then onto Joe Pass’s, “Virtuoso” series; then back to my regular playlist which includes fingerstylist, Laurence Juber and others.  I don’t think there’s a day that goes by that I don’t either listen to or play a Jobim piece.

Ho gusti parecchio eclettici, ascolto tutto eccetto il rock, il metal e il rap attuali: mi lasciano indifferente e sembrano costruiti soltanto per far soldi piuttosto che arte. Faccio il pieno (“mi ubriaco”) ascoltando musica per chitarra classica (il mio preferito è David Russel), poi la serie di album “Virtuoso” di Joe Pass e infine la mia tipica playlist che include fingerstylists (virtuosi del fingerstyle), Laurence Juber e altri. Non penso che passi un giorno senza che ascolti o suoni un pezzo di Jobim.

 

3.            How long have you played ukulele? / Da quanti anni suoni l’ukulele?

                About 12-13 years.

Da circa 12-13 anni

 

4.            Why did you start playing? / Come hai conosciuto l’ukulele? Chi o cosa ti ha spinto ad iniziare a suonarlo?

                I had hit a musical plateau with my guitar and had heard Lyle Ritz play while on our first trip to Hawaii.  I found the ukulele’s facility for chord melody to be amazing and very cool sounding.

Avevo inciso un sottofondo musicale con la mia chitarra e avevo sentito Lyle Ritz suonare nel nostro primo viaggio alle Hawaii. Trovai strabiliante la facilità degli accordi con l’ukulele e la sua resa sonora.

 

5.            How did you learn to play the ukulele?  Did you use the internet, books, DVD? / Quando hai acquistato il tuo primo ukulele, come hai iniziato a capire come si suona?  Dove ti sei orientato per imparare a suonarlo? Internet, libri, dvd… o altro?

                My first ukulele was a tenor Fluke that had come with a plastic fretboard.  I had Fleamarket Music (http://fleamarketmusic.com) upgrade the fretboard to rosewood once I’d discovered I wanted to play with low G tuning.
I was able to teach myself how to play due to my years on the guitar and the fact that I can read music.  However I did have one or two lessons with a local ukulele teacher who put me on the right track.  I was trying to use a thumb pick which many of the players use, but it wasn’t for me and I discovered this then.
My first book was the purple Ohta-San Ukulele Master’s book.  All of the songs are in ukulele-friendly keys and I was able to figure out chord melody lines right away.  Also the fact that I’d spent many years with my mentor, Howard Heitmeyer, working on chord melody arrangements, really helped.

Il mio primo ukulele è stato un Fluke tenore con tastiera in plastica. Quando decisi di suonare con un accordatura in low G lo migliorai (http://fleamarketmusic.com), dotandolo di tastiera in palissandro.
Imparai da autodidatta grazie agli anni passati sulla chitarra e al saper leggere la musica, ad ogni modo presi una o due lezioni da un insegnante di ukulele locale che mi mise sulla buona strada. Provai ad usare un plettro per pollice come fanno molti ukulelisti, tuttavia non faceva per me ma lo scoprii in seguito. Il mio primo libro è stato quello viola del maestro di ukulele Ohta-San: tutte le canzoni avevano accordi semplici per l’ukulele, quindi sono riuscito a tirar fuori le linee melodiche quasi subito. Mi ha aiutato molto anche il fatto di aver trascorso parecchi anni assieme al mio mentore, Howard Heimeyer, a lavorare sugli arrangiamenti.

 

 

6.            What kind of music do you like to play with your ukulele?  Which size of ukulele do you prefer? / Che genere di musica preferisci suonare con l’ukuele? Qual è la tua taglia preferita di ukulele (sopranino, soprano, concert, tenore, baritono, banjolele…)?

                I play mostly jazz and pop standards.  Fingerstyle chord melody is where I live, musically.  I also only use low G tuning because it gives me notes below middle C.  However, I have nothing against reentrant tuning and will use it for strumming along with others, etc.

Suono soprattutto classici jazz e pop e vivo di melodie in finger style, musicalmente parlando. Uso solamente l’accordatura in low G per allungare la scala del C, tuttavia non ho niente in contrario con l’accordatura rientrante e la uso per lo strumming in gruppo e altro…

 

7.            You’ve surely played a lot of types of ukuleles.  Can you describe to us the differences between them? / Tu che hai sicuramente provato diversi modelli di ukulele, potresti descrivermi la differenza secondo te?

                The most obvious is size.  The second is wood choice and construction.  Either the ukulele is made of laminate or solid wood.

La diversità più evidente è la dimensione, le seconde sono il tipo di legno e la struttura. Aggiungo anche se l’ukulele è in laminato o legno pieno.

 

8.            Which ukulele size do you suggest for beginners? / Quale taglia di ukulele consigli a chi deve iniziare?

                My wife, Cali Rose (http://calirose.com), teaches two classes a week to senior citizens and finds that the sopranos tend to be too small for most of them to make clear-sounding chords and I’d have to agree.  I think a concert or tenor is the best.  I stay away from baritones since they’re tuned and sound more like a guitar.

Mia moglie Cali Rose (http://calirose.com) tiene 2 corsi a settimana per adulti, ha notato che i soprano sono un po’ troppo piccoli per la maggior parte di essi per assicurare degli accordi puliti e devo darle ragione. Penso che i migliori siano i concert o i tenori, tengo le distanze dal baritono dal momento che è accordato e suona troppo in maniera simile alla chitarra.

 

9.            What’s your favorite ukulele brand?  Which brand would you suggest for beginners and less experienced players? / Oltre alla taglia dell’ukulele, quale marca raccomanderesti a chi è alle prime armi e quale a coloro che vogliono uno strumento valido per suonare seriamente, facendo serate dal vivo?

                Both Cali and I have custom Ko’olau ukuleles (http://koolauukulele.com) that we adore.  They are a bit pricey, but we find them worth the money and play them constantly.  Also, Cali is a full-time working musician and needs a superior and roadworthy ukulele.  Ko’olau’s offer the sound that I’m looking for – more classical guitar like.  Noa, the main builder, is really a master and at such a relatively young age.
There are so many great makers today!  The Chinese companies have really filled the void for mid-priced ukulele.  They’ve really come along way over the years.  Cali’s second ukulele was an all-Koa Pono tenor that we still own.
What I tell beginners and others is:  The best ukulele there is, is the one you play and love!  That first tenor Fluke I owned, I played until it needed new frets. 
I think, for the money, the Flukes and Fleas are great.  I teach history at a high school and keep a tenor Fluke in my classroom.  They’re nearly indestructible!  Cali and I also have three or four scattered throughout our apartment.

Sia io che Cali siamo clienti della Ko’olau (http://koolauukulele.com), che adoriamo. Gli ukulele sono un po’ costosi ma crediamo che ne valga la pena e li suoniamo sempre. Cali è una musicista a tempo pieno quindi ha bisogno di uno strumento di livello superiore e molto efficiente (“in grado di viaggiare”). I Ko’olau mi danno il suono che cerco, più simile a una chitarra classica. Noa, il principale costruttore, è davvero un maestro nonostante la sua giovane età.
Ci sono parecchi buoni costruttori oggi! I marchi cinesi hanno colmato il vuoto degli ukulele di medio prezzo, ci sono riusciti pian piano nel tempo, il secondo ukulele di Cali è stato un Pono tenore in koa che abbiamo ancora oggi.
Ciò che dico ai principianti e agli altri è: il miglior ukulele esiste, è quello che suoni e ami! Ho suonato il mio primo Fluke tenore finché non sono stati necessari dei nuovi tasti.
Penso che i Fluke e i Flea siano i migliori per prezzo, insegno storia alle superiori e tengo un Fluke tenore in classe: è praticamente indistruttibile! Io e Cali ne abbiamo tre o quattro sparsi nell’appartamento.

 

10.          Which parts of the ukulele are important (strings, wood, bridge…) to increase the quality?  How do we understand if our ukulele is a good ukulele? / Quali sono i parametri (tipo di legno, corde, tastiera, ponte, ecc…) che l’ukulele deve avere per essere considerato buono? A quali caratteristiche guardi tu maggiormente?

For beginners, strings are a huge deal.  If one owns a laminate ukulele, the Aquila will really bring out the sound.  The action (string height between string and fretboard) is also important.
I use Savarez guitar strings.  I have a link on my website to the exact gauges I use, etc. (http://ukulelecraig.com/links.html)
What is a good ukulele?  Again, loving the ukulele you currently own and playing the life out of it.

Per i principianti le corde sono un bel dettaglio (ironico!). Le Aquila tirano fuori un buon suono negli ukulele in laminato. L’action (distanza tra corde e tastiera) è anch’essa importante.
Io uso corde per chitarra Savarez, nel mio sito web c’è un link sullo spessore che ho scelto e altro (http://ukulelecraig.com/links.html)
Che cos’è un buon ukulele? Di nuovo, ama quello che hai adesso e suonalo per tutta la sua vita.

 

11.          Ukulele has become so popular in Italy and all over the world recently:  What do you think about this and what are the reasons it’s growing? / Abbiamo assistito, in questi ultimi anni, ad una diffusione crescente dell’ukulele in Italia e nel mondo: secondo te, a che cosa si deve questo boom?

 I think mostly it’s the accessibility of the instrument.  One can just learn three or four chords and they’re good-to-go.  It’s also the marketing along with reasonably priced instruments.  Here in the US, it has become quite popular with all ages of people.

Penso dipenda  soprattutto dall’accessibilità dello strumento: si possono imparare tre o quattro accordi e va benissimo anche così. Inoltre è legato al basso prezzo per ragioni di marketing, qui in America è diventato abbastanza diffuso tra persone di tutte le età.

 

12.          Do you have any suggestions for ukulele beginners? Che consiglio ti senti di dare a chi vuole incominciare a suonare l’ukulele, o comunque è alle prime armi?

Have fun!  Play music you enjoy!  The ukulele is a great, intimate friend.  They travel well and can be played while in bed watching TV!

Divertitevi! Suonate e godetevela! L’ukulele è un come un grande amico del cuore. Ci si viaggia bene insieme e lo si può suonare anche a letto mentre si guarda la tv!

 

13.          Would you like to say something to our ukulele friends? / Siamo arrivati alla fine dell’intervista, ti ringrazio per la pazienza, la gentilezza e la disponibilità. Vuoi chiudere dicendo qualcosa agli appassionati che leggeranno questa intervista?

I do have a book coming out soon titled, “Jazz Chord Solos for the Ukulele.”  Hal Leonard is publishing it and I should have it sometime soon.  The book is not for beginners, but for those wishing to learn more complex chord melody arrangements. 
Almost all of the arrangements are by my mentor, Howard Heitmeyer.  The book also comes with a CD so one can hear how the song should or could be played.
If one goes to my website, they can sign up for my blog list and I also occasionally offer free arrangements and lessons.  I currently have, “Yesterday,” listed for those wishing to learn this song as a chord melody piece.

Thanks much for interviewing me!

http:ukulelecraig.com

A breve uscirà il mio libro, dal titolo: “Jazz Chord Solos for the Ukulele”, pubblicato da Hal Leonard e disponibile a giorni. Il libro non è per principianti, ma per coloro che vogliono imparare qualcosa di più complesso negli arrangiamenti melodici, la maggior parte di questi è del mio mentore Howard Heitmeyer.
Se entrate sul mio sito potete iscrivervi al blog in cui ogni tanto metto arrangiamenti e lezioni gratuiti. Ho aggiunto di recente “Yesterday”, pensata per coloro che vogliono impararla come pezzo con accordi e melodia. Grazie per avermi intervistato!

http:ukulelecraig.com

Nessun commento:

Posta un commento

classifiche