martedì 31 marzo 2015

Intervista ukulelosa ai The Johnny Bemolle's

E dopo aver recensito il loro primo EP non poteva mancare l'intervista a questo fantastico duo!

1.       Come descrivereste il vostro background musicale?
Siamo appassionati di folk ma anche di rock più deciso. Veniamo da esperienze musicali diverse tra di loro e rispetto a questo genere, e questo influenza molto la musica che facciamo.
2.       Qual è il vostro approccio globale alla musica in generale?
Curiosità e rispetto per tutto, la musica non è mai competizione!
3.       Com’è nata l’idea di questo progetto, questo duo?
Antonello ha iniziato quasi come esperimento a suonare cover folk in piccoli locali da solo, poi per motivi diversi dalla musica ha incontrato Eleonora a cui piacque molto l’idea. Di li a trovarsi in sala prove è stato facile.
4.       Da quanto tempo esiste il vostro gruppo?
Ufficialmente circa un anno, ci siamo dati un nome e un’idea chiara intorno al San Patrizio del 2014.
5.       Come è venuta l’idea di inserire l’ukulele tra gli strumenti suonati?
Essendo in due ci piaceva l’idea di proporre più suoni diversi, suonando più strumenti ognuno, quindi l’ukulele ci sembrava perfetto.
6.       Quali sono i vostri progetti futuri?
Suonare le storie di Johnny in giro e condividerle con più persone possibile!
7.       Da quanti anni suoni l’ukulele?
Antonello: da circa 3, è stato l’ultimo strumento a corde che ho iniziato a suonare
8.       Come hai conosciuto l’ukulele? Chi o cosa ti ha spinto ad iniziare a suonarlo?
Antonello: l’ho conosciuto molto tempo fa ma devo dire che inizialmente non l’ho approfondito molto, mentre quando ho iniziato ad appassionarmi ad alcuni ukulelisti, Blue Dean Carcione su tutti, ho deciso di imparare a suonarlo per bene.



9.       Quando hai acquistato il tuo primo ukulele, come hai iniziato a capire come si suona?  Dove ti sei orientato per imparare a suonarlo? Internet, libri, dvd… o altro?
Antonello: il mio primo ukulele me lo hanno regalato mia sorella e mio cognato per Natale, e ho iniziato completamente da autodidatta essendo già chitarrista.
10.   Che genere di musica preferisci suonare con l’ukulele? Qual è la tua taglia preferita di ukulele (sopranino, soprano, concert, tenore, baritono, banjolele…)?
Antonello: mi sto trovando molto bene con l’ukulele concert, in genere per ora ci sto suonando folk e blues prevalentemente, tutte cose molto ritmate.
11.   Hai provato diversi modelli di ukulele? Potresti descrivermi la differenza secondo te?
Antonello: dalle dimensioni differenti dipende molto il suono, per esempio il soprano e sopranino perdono molto in bassi ovviamente. Per il resto è molto importante la tastiera, come in tutti gli strumenti a corde.
12.   Quale taglia di ukulele consigli a chi deve iniziare?
Antonello: il soprano è perfetto, è comodo da trasportare e non ha molto volume, ottimo per non disturbare la quiete quando ancora si “strimpella” non benissimo.
13.   Oltre alla taglia dell’ukulele, quale marca raccomanderesti a chi è alle prime armi e quale a coloro che vogliono uno strumento valido per suonare seriamente, facendo serate dal vivo?
Antonello: io sto usando un Ibanez elettrificato che per ora dal vivo va benissimo, non ho mai avuto problemi. Come sempre preferirei suonare con un buon microfono davanti allo strumento, ma è molto più pratico avere un buon ukulele elettrificato.
14.   Quali sono i parametri (tipo di legno, corde, tastiera, ponte, ecc…) che l’ukulele deve avere per essere considerato buono? A quali caratteristiche guardi tu maggiormente?
Antonello: essendo abituato bene da buone chitarre acustiche ed elettriche guardo molto alla tastiera, deve essere comoda prima di tutto. Altra cosa da non sottovalutare mai sono le corde, fanno la differenza.
15.   Abbiamo assistito, in questi ultimi anni, ad una diffusione crescente dell’ukulele in Italia e nel mondo: secondo te, a che cosa si deve questo boom?
Antonello: secondo me alla riscoperta di uno strumento semplice da iniziare a suonare ma che poi ha grosse potenzialità.
16.   Che consiglio ti senti di dare a chi vuole incominciare a suonare l’ukulele, o comunque è alle prime armi?
Antonello: di guardare tanti video tutorial online, siti tipo youkuele.com e soprattutto farsi invogliare ascoltando ukulelisti bravi per capire cosa si riesce a fare con questo “semplice” strumento.
17.  Siamo arrivati alla fine dell’intervista, vi ringrazio per la pazienza, la gentilezza e la disponibilità. Volete chiudere dicendo qualcosa agli appassionati che leggeranno questa intervista?

Di suonare, con pazienza e sacrificio se necessario, che sia l’ukulele o qualsiasi altro strumento, che sia il folk o qualsiasi altro genere, perchè alla fine la musica restituisce tutto, con gli interessi. E soprattutto ascoltate musica nuova sempre, andate a concerti di musicisti che non conoscete, insomma, siate curiosi!

Nessun commento:

Posta un commento

classifiche