lunedì 16 aprile 2012

Strumming per ukulele


Per spiegarvi come funziona lo strumming con l’ukulele ripeterò sempre le stesse cose, come già detto nelle altre lezioni, ma preferisco farlo per evitare che qualche mio lettore nuovo si trovi davanti a questo post senza sapere esattamente cos’è e come si fa uno strumming con l’ukulele. Ora spiego quali sono le cose fondamentali da sapere per poter leggere uno strumming con l’ukulele. D = down e cioè giù (movimento del polso della mano destra dall’alto verso il basso), scritto maiuscolo intendo suonato con tutte le dita della mano destra, scritto minuscolo, e cioè così d, significa un down suonato con un solo dito. Tale dito può essere l’indice, il medio o il pollice. Il pollice lo usiamo se vogliamo venga fuori un suono più dolce, le altre dita se vogliamo un suono più squillante. Poi vi è la u = up e cioè il movimento subito dopo il down ( up è il movimento del polso della mano destra dal basso verso l’alto) che va eseguito o con l’indice o con i medio della mano destra. Ora c’è da spiegare una cosa: se dopo il down è rappresentato un up significa che bisogna pizzicare le corde nel movimento dal basso verso l’alto subito dopo il down, se non è rappresentato nessun up significa allora che dobbiamo tornare con il polso della mano sinistra verso l’alto senza pizzicare le corde. La stessa cosa vale per il down, quando non c’è nessun tipo di D, che sia maiuscola o minuscola, bisogna fare il movimento dall’alto verso il basso senza pizzicare le corde. L’importante, in tutti i casi, è di non fermarsi o rallentare mai il movimento della mano destra nel suo fare giù e su per non perdere il ritmo. Ecco qui di seguito lo strumming per ukulele di oggi, quando arrivate alla fine ricominciate senza mai fermarvi fin a che non vi riesce bene.

1 2 3 4   1. 2. 3. 4.

D D  d  d    d   Du d   Du

Nessun commento:

Posta un commento

classifiche